double-ipa-style

Birre IPA: cosa vuol dire?

C’era una volta… e c’è ancora purtroppo!… chi associa la birra ad un’unica tipologia di bevanda. Se si pensa alla “birra”, si pensa ad una bibita gassata, di colore biondo, poco alcolica. Queste caratteristiche descrivono la maggior parte delle birre della grande distribuzione, ma sono ben lungi dal dare anche solo una vaga idea delle numerose declinazioni che questa bevanda può avere. Nella nostra rubrica cercheremo di descrivertene alcune così che tu sappia esattamente di cosa stiamo parlando… e soprattutto cosa stai bevendo! Iniziamo descrivendoti le birre IPA.

Birre IPA: India Pale Ale

Fonte: craftbeeracademy.com

Il termine IPA non va pronunciato così come viene scritto, ma va fatto lo spelling in inglese: quindi la dicitura corretta è ai – pi – ei. Le tre lettere che compongono il termine IPA stanno per altrettante parole: India Pale Ale. Scoprendo cosa vuol dire ognuna di questa parole, ti avremo in breve raccontato la storia delle birre IPA.

Partiamo da “ale”. Devi sapere che in lingua inglese non esiste solo la birra tradotta con “beer”, ma soprattutto sono molto diffuse le “ale”. In italiano traduciamo sempre con birra, ma il termine ale sta ad indicare quella ad alta fermentazione. Le ale normalmente avevano colore scuro: il termine “pale”, che letteralmente vuol dire “pallido”, fu aggiunto per indicare delle ale che invece avevano una colorazione più chiara. Non resta che spiegare quell’incomprensibile primo termine: India.

Le IPA nacquero in Inghilterra, all’epoca in cui questo Paese (oggi noto ai più per via della Brexit!) era una grande potenza coloniale. L’India era colonia inglese e la birra era una delle merci che venivano esportate dalla madre patria. I mastri birrai dell’epoca (siamo sul finire del XVIII secolo) dovettero escogitare un modo affinché la bevanda mantenesse tutte le sue proprietà organolettiche anche attraverso i lunghi viaggi in mare. All’epoca non c’erano aeroplani superveloci, né celle frigorifere!

Dall’Inghilterra all’India grazie al luppolo

fiori di luppolo
Fonte: beerconnoisseur.com

Uno dei birrai che all’epoca erano più famosi in Inghilterra, George Hodgson, decise così di mettere a punto una speciale “ricetta” che prevedeva l’uso di molto più luppolo e una gradazione alcolica maggiore. Entrambe questi fattori contribuivano ad una buona tenuta delle birre anche dopo mesi in mare. A dirla tutta, non vi sono prove che sia stato proprio Hodgson l’inventore delle birre IPA: ma così narra la tradizione, e a tanto ci atteniamo.

La prima volta in cui si parlò ufficialmente di India Pale Ale fu nel 1835 all’interno di un annuncio economico pubblicato sul giornale Liverpool Mercury. In breve il nuovo gusto di queste birre, che erano più amare di quelle scure a cui i bevitori inglesi erano abituati, conquistò il pubblico. La vera esplosione delle IPA si ebbe però nel Nuovo Mondo, in America, dove molti microbirrifici si specializzarono nei decenni successivi nella realizzazione di diverse varianti di IPA.

Caratteristiche delle birre IPA

birra IPA
Fonte: medium.com

Oggi anche molti microbirrifici artigianali italiani producono ottime IPA, e ne potrai trovare sempre una selezione tra le specialità del Torrione. In generale, il gusto di queste birre viene dominato dalle note del luppolo che è agrumato, un po’ legnoso, sempre molto aromatico. L’amarezza può essere variabile, e viene misurata in base alla  scala IBU (International Bitterness Unit).

Il colore delle IPA è sempre di un bel giallo ambrato; la schiuma compatta e persistente. Una birra IPA è l’ideale accompagnamento a gusti forti e speziati, ad esempio puoi gustarne un bicchiere con la nostra speciale panizza al pastrami, o con la bruschetta. Chiedi a Zarè quali IPA abbiamo al momento nella nostra selezione di birre, per partire in un gustoso viaggio indietro nel tempo!

Alleghiamo qualche foto “d’epoca”… nel 2011 al Torrione Old Times Pub si tenne la presentazione della IPA Eipiei del birrificio Operbacco, che fa ancora parte della selezione del locale… perché le cose buone non invecchiano mai!

0 comments on “Birre IPA: cosa vuol dire?Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Se vuoi navigare nel nostro sito, accetta i cookie! maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi